25 Febbraio 2024

TAORMINA – Taobuk 2016 approda alla Borsa Internazionale del Turismo di Berlino

Antonella Ferrara (3)Conoscere e riconoscere “Gli Altri”. Le loro diversità, i loro diritti. Riflettere sull’Altro e sull’Altrove, dentro e fuori di noi. È questo il concept della sesta edizione di Taobuk, il festival delle Belle Lettere fondato e diretto daAntonella Ferrara e Franco Di Mare, che si svolgerà a Taormina dal 10 al 16 settembre: un’emozionante avventura neipercorsi della letteratura e delle arti, inserita dall’Assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana Anthony Barbagallo tra gli eventi di punta che dal 9 al 13 marzo saranno presentati alla prestigiosa Borsa Internazionale del Turismo di Berlino. Rivolta ai tour operator e alla stampa, la promozione nell’ambito dell’ITB berlinese (fissata per il 10 marzo alle ore 11)mira a valorizzare un grande appuntamento che, per il sesto anno consecutivo, ospiterà nell’acropoli taorminese il Gotha della letteratura mondiale e un’ampia rosa di intellettuali e personalità artistiche. Taobuk – sottolinea l’AssessoreAnthony Barbagallo – incarna alla perfezione la nobile vocazione di Taormina, indiscussa regina del turismo siciliano, oggi come ieri tra le mete più ambite dei visitatori di tutto il mondo, soggiorno prediletto di scrittori e artisti, da Tennesse Williams a Truman Capote, da Gide a Cocteau. Avere espresso al meglio l’esprit di questo luogo mitico del Mediterraneo è il merito maggiore del festival creato con lungimiranza da Antonella Ferrara e Franco Di Mare, raggiungendo l’obiettivo di restituire alla Perla dello Jonio il ruolo di capitale della letteratura e delle arti che aveva detenuto nel Novecento». Un ricco programma, reso possibile grazie al costante sostegno del Comune di Taormina. «La manifestazione – evidenza il Sindaco Eligio Giardina, anch’egli presente a Berlino  – ha saputo immergere in un contesto di eccezionale bellezza un format elegante e dinamico, che alle novità editoriali accosta mostre, serate teatrali e musicali. In questa visione risiede la profonda ragione del successo internazionale di Taobuk, che si è imposto con rilevante evidenza nel panorama del turismo culturale in Sicilia». Ad illustrare la concezione e il programma del festival sarà all’ITB Antonella Ferrara, presidente di Taobuk. «Anche quest’anno il tema prescelto sarà declinato attraverso una pluralità e coralità di racconti e percorsi. “Gli Altri”, come fatto letterario, artistico, sociale, politico, sono il filo rosso lungo il quale esplorare la diversità. O meglio l’Alterità: connotazione religiosa, razziale, sessuale, politica, etnica, ideologica, ma al contempo condizione esistenziale.Testimoni d’eccezione si ritroveranno nel segno dell’arte che sa tradursi in unico afflato di fratellanza, forte di tutte le lingue e di tutti i linguaggi, per una comune cultura della tolleranza, della pace e del rispetto dell’Altro.» Eden di cultura e turismo, dunque Taormina. Ma non solo. Osserva Franco Di Mare, direttore artistico del festival: «La Città del Centauro è da sempre snodo di secolare integrazione e scambio tra culture. La riflessione sul concept “Gli altri” avrà come scenario ideale un crocevia che è alta espressione dell’identità mediterranea. Dal mare, infatti, provenivano i Greci che fondarono qui, lungo la costa, la loro prima colonia siciliana, Naxos. Eppure da quel mare provengono oggi i flussi dei migranti, emergenza tragica che insanguina il Mediterraneo.Come affrontare l’ineludibile problema dell’accoglienza? Come adoperarsi affinché il Mare nostrum torni ad essere veicolo di civiltà? Come fare dell’interculturalità la carta vincente?» Alla progettualità di Taobuk fa riferimento l’Assessore alla Cultura del Comune di Taormina Mario D’Agostino: «Una volta ancora, la Perla dello Jonio sarà un palcoscenico privilegiato per gli amanti della letteratura e della cultura in generale, grazie ad una manifestazione tesa ad un costante rinnovamento ma che non ha mai perso il suo genuino spirito ideale, plasmato nel suggestivo contesto dei palazzi storici e del Teatro greco, simbolo millenario di cultura» Determinante anche l’apporto dell’Associazione Albergatori Taormina: «Taobuk – afferma il presidente Italo Mennella– è un progetto giunto ormai a pieno compimento, proiettato sempre più avanti e irrinunciabile anche per l’effetto positivo di traino che riversa sugli altri segmenti turistici e culturali del territorio». La kermesse letteraria, che moltiplica di anno in anno ospiti ed iniziative, ha ottenuto la Medaglia del Presidente della Repubblica e gli autorevoli patrocini del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, degli Assessorati al Turismo e ai Beni culturali della Regione Siciliana, del Centro  per il Libro e la Lettura, dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, del Parco Archeologico di Naxos. Importanti inoltre le collaborazioni strette con Taormina Arte, Associazione Imprenditori Taormina, Teatro Stabile di Catania, Università Cattolica di Miliano, Università di Messina, Università di Catania, Scuola Superiore di Catania, Rete italiana degli Istituti di Studi Superiori Universitari d’Eccellenza, Gais Hotel Group, Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo, Club Unesco Taormina, Rotary Club Taormina.

I NUMERI DI TAOBUK – Oltre 100.000 presenze, 60 luoghi della città (tra cui il Teatro Antico, Piazza IX Aprile, i Palazzi Corvaja, Ciampoli e dei Duchi di Santo Stefano, Casa Cuseni, il Parco Colonna, i grandi alberghi), 500 ospiti, 300 tra incontri ed eventi, 480 classi di studenti di 80 istituti scolastici per un totale di circa 7.000 studenti, 90 case editrici.