15 Aprile 2024

CATANIA – Sielte partecipa al progetto ‘Lavoro carcerario’ dei Ministri Cartabia e Colao

Sielte parteciperà attivamente al progetto “Lavoro carcerario” promosso oggi dal Ministro della Giustizia Marta Cartabia e dal Ministro dell’Innovazione Tecnologica Vittorio Colao.

L’azienda di telecomunicazioni concentrerà la propria azione sull’Istituto Penitenziario di Bollate in Lombardia, da sempre all’avanguardia per questo tipo di iniziative, e sull’Istituto Penitenziario di Catania “Piazza Lanza” in Sicilia.

Sielte avvierà un programma di formazione su tre macro-aree: rigenesi degli apparati, attività di customer care tecnico e attività di realizzazione della rete in Fibra Ottica.

Questa mattina l’Amministratore Unico Salvatore Turrisi, si è recato a Torino presso la Casa Circondariale “Lorusso Cotugno” insieme al Ministro Colao e ai vertici delle società che aderiscono al progetto.

“È con grande entusiasmo che diamo il nostro contributo a questa preziosa iniziativa, che consente ai detenuti di intraprendere un percorso di approfondimento professionale in ambito tecnologico, contribuendo allo sviluppo digitale del Paese – ha dichiarato Turrisi al termine della conferenza stampa con il Ministro. Per Sielte impegno sociale, inclusione e formazione sono i valori fondanti, resi concreti attraverso la partecipazione a progetti volti a favorire la crescita delle persone e dell’azienda. Porteremo avanti l’iniziativa ‘Lavoro carcerario’ in due regioni molto diverse tra loro: la Sicilia, dove siamo nati e dove abbiamo le nostre radici, e la Lombardia, dove impieghiamo la maggior parte della nostra forza lavoro con attività più tecnologicamente avanzate”.

L’obiettivo dell’intesa, che coinvolge nove aziende dei settori TLC e ICT tra cui Sielte, è quello di favorire l’inserimento sociale dei detenuti attraverso un periodo di formazione, finalizzato all’approccio reale nel mondo del lavoro, lavoro retribuito dalle aziende aderenti.