12 Giugno 2024

CASTIGLIONE DI SICILIA – Il punto inglese è…..di moda. Ricami: dal corredo agli accessori e abiti di tendenza

L’arte del ricamo, tra passato, presente e futuro. Hobby, artigianato e arte che possono diventare impresa.   E’ questo il significato del progetto cofinanziato da Comune e dalla Regione Siciliana – Assessorato per le Attività Produttive – Iniziativa “Sicilia che piace” – e che si è concluso domenica 29 ottobre. Diversi gli eventi che si sono svolti nel centro storico del Borgo grazie ad un programma di iniziative varato e coordinato dagli uffici preposti d’intesa con la Commissione Straordinaria (Salerno – Alagna – Portaro)  che attualmente governa l’ente locale .  L’obiettivo è far riscoprire l’antica arte del punto ad ago o punto inglese molto diffuso fino agli anni 1980/90 e che costituiva una delle principali fonti di reddito per le famiglie castiglionesi. Tra le iniziative organizzate in questo contesto, a parte la mostra mercato tenutasi al Castello di Lauria , ci sono stati degli shooting fotografici, un défilé di moda, coinvolgendo autorevoli personaggi che con la loro testimonianza hanno confermato le opportunità di impiego e produzione dei ricami a punto inglese in una visione moderna, così come hanno evidenziato durante le attività di approfondimento e di formazione : Giuseppe Ciuro, imprenditore nel settore ricami industriali componente ConfCommercio Palemo – Commissione stilisti e moda, esperto ricami industriali; Antonio Piccolo ,componente del Cda del Mytos Fashion District; Naima Di Mari Direttore editoriale di Wedding Tv;  Jasmine Palano, laureanda in Fashion design presso l’Accademia di Belle arti di Catania con la tesi “Ricami di Moda”. A indossare abiti, accessori come borse, orecchini, scarpe e posare per dei servizi fotografici e sfilare in passerella le modelle della manifestazione “Venere dell’Etna”, concorso nazionale di bellezza e stile. Gli studenti invece in questi giorni sono stati coinvolti in dei laboratori di ricamo, dove le ricamatrici locali hanno illustrato le principali fasi e tecniche del punto inglese o punto ad ago. Il progetto punta adesso a coinvolgere stilisti e aziende del tessile, dove questi ricami possono essere utilizzati sia per produrre abiti, sia accessori moda come borse, scarpe, foulard, souvenir, oggettistica per la casa oltre che i tradizionali corredi come tovaglie, lenzuola, ecc. Al ciclo di eventi hanno partecipato già una quindicina di ricamatrici, qualche negozio e associazione che già hanno sperimentato la produzione di articoli di moda con richiami e parti realizzati con l’antico ricamo a punto inglese così chiamato riferendosi alla nobildonna inglese Miss Mabel Hill, che con la sua Scuola di Ricamo tra Taormina e Castiglione, contribuì ad una maggiore diffusione di questa tecnica del ricamo all’inizio del XIX secolo. Già da maggio e fino a settembre, il Comune insieme all’associazione  Almaqantara Aps, diverse ricamatrici del luogo, il comune di Taormina, e varie altre associazioni, avevano organizzato  diversi eventi per valorizzare questa antica tecnica del ricamo ed evitare di farla scomparire visto che sono rimaste poche maestranze, contribuendo a individuare nuovi possibili scenari per un progetto di sviluppo futuro in chiave moderna di quella che un tempo era tradizione e fonte di reddito per la comunità.

Ecco i nomi delle ricamatrici, associazioni, stilisti che di fatto sono stati i veri protagonisti e artefici del tutto lavorando sodo per allestire la mostra, creare capi di abbigliamento, tenere lezioni durante i laboratori riservati alle scuole, ecc.  Le vere protagoniste dell’evento e che a questo punto intendono continuare con altri progetti e iniziative oltre i confini comunali e regionali, tanto che venerdì 10 novembre ci sarà già una riunione operativa:

-L’Associazione Almaqantara Aps con Concetta Prestipino, Simona Gullotta, Natalia Biserova, Lucia Stagnitti Giuseppa Zumbo, Dorinda Ragonesi, Alessandra Giannetto, Cristina Russo.

Bottega Mida

-Le ricamatrici del Borgo: Maria Antonietta Buonfrate, Angela Delpopolo, Fina Gambacurta, Domenica Papa, Angela Valastro, Franca Mercia, Maria Catena Valastro, Maria Catena Del Popolo, Carmen Filippa Giammetta, Isabella Stagnitti, Carmela Camuglia, Carmen Lo Monaco.

Ecco alcuni momenti dei vari eventi