25 Luglio 2024

CATANIA – Agata, la Santa fanciulla, un debutto entusiasmante

Davide Sbrogiò (Quinziano) e Cecilia Guzzardi (Agata). Ph. Santo Consoli

Giulia Epaminonda, Barbara Gallo, Michele Carvello e Bruno Prestigio. Ph. Santo Consoli

Ha anche una scenografia unica quell’Agata, la Santa fanciulla che ha debuttato giovedì scorso nella chiesa di San Nicolò l’Arena. Parliamo del grandioso organo di Donato del Piano, considerato tra i più perfetti al mondo, come ricordato dal presidente del Conservatorio di Catania, Carmelo Galatiil quale ha sottolineato come non siano soltanto uomini e donne a rimanere vittime delle guerre: il famoso strumento per decenni non poté suonare a causa dei danni provocati al tempio dai bombardamenti angloamericani del 1943.

Restaurato dal 1998 al 2004 – ha detto Galati –, questa meraviglia con sei mantici, cinque tastiere e settantadue registri, che può essere suonato in contemporanea da tre organisti, è adesso l’incredibile scenografia dell’affascinante spettacolo teatrale scritto e diretto da Giovanni Anfuso e che ha entusiasmato il pubblico catanese, anche per i suoi contenuti pacifisti e non violenti“.

Lo spettacolo – prodotto da Buongiorno Sicilia e Vision Sicily, gli stessi dell’Inferno di Dante – è patrocinato da Assemblea Regionale SicilianaAssessorato regionale al TurismoComune di Catania e Comitato per la Festa di Sant’Agata – oltre a narrare quanto descritto negli atti del martirio, ci riporta ai tempi dello sbarco Alleato e al fallito tentativo di trafugare il Tesoro della Patrona.

E lo fa attraverso attori che hanno ricevuto lunghi e calorosi applausi da parte degli spettatori entusiasti. Parliamo di Barbara Gallo (Madre Mirella), Davide Sbrogiò (Quinziano), Ivan Giambirtone (Orazio Pennisi) e Cecilia Guzzardi (Agata), Giulia Epaminonda (Antonietta), Michele Carvello (James Lanciano), Bruno Prestigio (Melvin Konner), Elena Ragaglia (Afrodisia), Francesco Rizzo (Silvano), Franco Colaiemma (San Pietro) e Luciano Fioretto e Alice Canzonieri (Corifei). Consensi anche per il coroFrancesca Castro, Andrea Gigante, Martina Giuffrida, Manuela Grimaldi, Marta Marino, Lucio Rapisarda, Rachele Ruffino, per gli elementi scenici e i costumi, di Riccardo Cappello, per le musiche di Nello Toscano e le coreografie di Fia Distefano. Vanno citati poi Simone Trischitta, cui si deve l’Organizzazione Generale dello spettacolo, l’aiuto regista Lucia Rotondo, l’assistente alla regia Angelo Bertolo, il light designer Davide La Colla e il fonico Enzo Valenti.

“L’accoglienza del pubblico – ha confermato Barbara Gallo, che impersona la Superiora impegnata a salvare il Tesoro – è stata incredibile. Ci aspettavamo, certo, questo entusiasmo per quanto ci siamo impegnati nelle prove e per il fatto che lo spettacolo, in altri anni, fosse già stato un successo. Però adesso la maturità di questo lavoro teatrale è piena e il pubblico è stato molto caloroso“.

Quasi commossa Cecilia Guzzardi, che in scena è la Santuzza: “È stata un’emozione fortissima: il debutto è andato benissimo, così come l’anteprima di qualche giorno fa, e noi attori della Compagnia siamo tutti molto felici. Adesso speriamo che continui così“.

Applausi a scena aperta anche per Davide Sbrogiò, che interpreta il carnefice della Santa, il proconsole romano Quinziano.

“Io – ha spiegato l’attore –  sono la guerra, la prepotenza, la violenza. Quinziano si contrappone ad Agata che è invece l’amore, la fratellanza, la tolleranza. E questa lotta, vinta dalla Santa, anche questa sera è stata compresa benissimo dal pubblico che ha assistito alla rappresentazione”.

“Il brano finale sulla Pace poi – ha chiosato Ivan Giambirtone, che interpreta il cavalier Pennisi, artefice del salvataggio del Tesoro –, ha portato tutti ad alzarsi e ad applaudire. Vuol dire che questo spettacolo ha colto nel segno. Abbiamo avvertito una grande emozione da parte del pubblico che siamo certi sarà numerosissimo anche nelle prossime replicheAgata, la Santa fanciulla è uno spettacolo al quale teniamo molto, sul quale ci spendiamo e nel quale crediamo, per i temi toccati: la Fede, la Pace, la Fratellanza“.

Dopo il debutto di giovedì e la replica di venerdì 26, il calendario di Agata, la Santa fanciulla prevede repliche serali venerdì 26 e sabato 27, una pomeridiana per domenica 28, alle 18.30, e ancora serali martedì 30, mercoledì 31, giovedì 1 febbraio e venerdì 2. Il prezzo del biglietto è di 16 euro e 50, compreso il diritto di prevendita su Boxoffice Sicilia, www.boxofficesicilia.itgrande richiesta è stato comunque deciso di aprire un botteghino nella sede dello spettacolo, dalle 19 per i serali e dalle 17 per la pomeridiana.

Sono inoltre previsti anche quest’anno i matinée al prezzo ridotto di 9 euro per gli studenti delle scuole. Per ulteriori informazioni si potrà chiamare – o scrivere su Whatsapp – al numero di Buongiorno Sicilia, il 347/6380512. Altre notizie sono disponibili sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/AgataLaSantaFanciulla/.

(Foto Ph. Santo Consoli)