13 Luglio 2024

CATANIA -Presentato il romanzo “Sala d’attesa” di Alessandra Distefano. Viaggio autobiografico…….. da Milano a Randazzo

MICHELE LA ROSA –  Dopo la presentazione a Randazzo, il romanzo “Sala d’attesa” è stato presentato venerdì sera a Catania. L’autrice, Alessandra Distefano, così ha incontrato il pubblico e i lettori dei suoi libri presso l’Enoteca Civita, in pieno centro storico, dove tra le letture di parti del suo libro e le domande dei partecipanti, vi è stata la performance del musicista cantante Francesco Francois Turrisi. Un romanzo autobiografico, ma con pagine di pura fantasia e creatività, dove si alternano i protagonisti, alcuni con i veri nomi, altri di fantasia, che danno una cornice ancora più suggestiva alla trama. Un libro, per la casa editrice Affiori, che ripercorre anche il “dramma” del suo trasferimento dalla Milano capitale mitteleuropea alla più tranquilla Randazzo, ai piedi dell’Etna. Questa è la storia di Alessia, che inizia in uno studio medico, seduta davanti a un neurologo, piena di angoscia perché in una visita precedente le avevano diagnosticato un tumore al cervello. Questo dottore, invece, le comunica che il tumore non c’è. Alessia si è laureata da pochi mesi in Farmacia a Milano. A breve si trasferirà in Sicilia dove vivono i suoi genitori, proprietari storici di una farmacia. La scelta della facoltà era ovvia, come anche continuare il lavoro e il destino della sua famiglia. Più si avvicina la data della partenza, più Alessia si angoscia fino ad avere la sensazione di vivere delle allucinazioni, perfino in vacanza in una città che l’affascina come Parigi. Un viaggio dentro se stessa, un racconto che ripercorre anni della propria vita, tra vicissitudini personali e soprattutto questo “trasferimento” in una terra che ama ma che evidentemente non riesce a darle quel senso di libertà, di conquista, di opportunità desiderato. Alessandra Distefano nasce a Milano nel 1977, per poi trasferirsi a Randazzo con la famiglia. Ritorna a Milano e si laurea nel 2003 in Farmacia. Partecipa a trasmissioni tv come “Alle due” su Rai1 e “A tutto benessere”. Nel 2000 pubblicava la raccolta di poesie Inverno Segreto (Gianni Iuculano Editore) con prefazione di Alda Merini. Nel 2013 pubblicava “Quello che manca è l’anima” (Edizioni Arianna). Nel 2017 Due così (Edizioni La vita felice) e Hotel pension cosmopolita (Edizioni Arianna) vincendo pure il premio Aurelia Josz. Nel 2018, Beethoven al chiaro di luna (Edizioni La vita felice), Ed i sogni restano là (Aletti editore) e nel 2020 Perdonateci l’imperfezione (Edizioni La vita felice). Nel 2016 vince il Premio Ofelia e il Premio Maria Cumani Quasimodo. Oggi conta ben 8 pubblicazioni con varie case editrici, diventando nel frattempo pure giornalista pubblicista e curando negli anni passati una rubrica letteraria sull’emittente locale TGR.