18 Aprile 2024

FRANCAVILLA DI SICILIA – Dal 1° maggio arriva il Servizio Elettrico Nazionale

Michele La Rosa – A far data dal 1° maggio 2023 avrà efficacia il trasferimento dal Comune di Francavilla di Sicilia ad E-distribuzione, del ramo d’azienda dedicato alla distribuzione di energia elettrica. E-distribuzione è la società del Gruppo Enel che esercita attività di distribuzione e misura dell’energia elettrica in circa l’85% del territorio nazionale. L’operazione è stata effettuata in esecuzione agli obblighi previsti dal Decreto Legislativo 16 marzo 1999 n. 79, ed è finalizzata al superamento della compresenza territoriale tra distributori nell’ambito dello stesso territorio comunale. Dal 1° maggio 2023 quindi tutte le forniture di energia elettrica in regime di maggior tutela nel Comune di Francavilla di Sicilia cambieranno gestore passando dall’attuale Comune al Servizio Elettrico Nazionale S.p.A.

“A Milazzo, davanti al notaio Di Bella, abbiamo definitivamente firmato l’atto di vendita ad E-distribuzione del nostro “ramo” d’azienda elettrica. Dopo decenni di disservizi e di debiti accumulati dall’ente a causa di una pessima gestione, in conseguenza a difficoltà economiche, organizzative e gestionali, finalmente da oggi anche Francavilla avrà la garanzia di un servizio ottimale! Quello che poteva essere un valore aggiunto, un bene storico e un vanto per la nostra comunità nel tempo, purtroppo, è diventato un peso, ormai antieconomico ed inefficiente. Tutte le amministrazioni, negli anni, hanno colto le difficoltà gestionali di questo servizio, ma mai nessuno aveva avuto il coraggio di compiere questo passo. Per tali motivi, già 6 anni fa, il nostro gruppo aveva tra gli obiettivi principali da raggiungere la cessione dell’azienda elettrica, infatti, utilizzando la consulenza già commissionata nel 2016 dalla precedente amministrazione, che aveva il compito di stimarne il valore, stabilito in euro 650 mila, e dopo varie vicissitudini burocratiche, lavoro, impegno e studio, si è finalmente giunti alla conclusione.” – questo il commento di qualche giorno fa a firma dell’Aministrazione comunale pubblicato sui social per informare i cittadini. In effetti comunque la cessione del servizio era in discussione già da tempo, era stata prospettata anche nel passato con altre amministrazioni comunali seppur non si era arrivati a definire la questione.